Credi davvero (che sia sincero) Näytä suurempana

Credi davvero (che sia sincero)

9788855352840

Uusi tuote

36 Tuotteet

16,00 € sis. alv

Arvostelut

Arvosana 
2021-09-09

Credi davvero

Ho aspettato un pochino ad iniziare a leggere questo libro. Ho ancora molto impresso il tuo primo libro. Leggere un altro tuo libro, con il tuo stile, in un periodo della mia vita segnato dalla pandemia che mi ha provato parecchio per via del mio lavoro, non potevo farcela.
Ma poi mi dispiaceva così a Luglio mi sono decisa a cominciarlo ed è stato una piacevole sorpresa perché, rispetto all'altro, si legge in maniera più leggera, nel senso che, pur trattando di un tema molto delicato, è un racconto. Un racconto che, purtroppo, troppo spesso diventa reale.
Poi ci ho messo ancora di più a scrivere la recensione perchè i tuoi libri vanno fatti sedimentare, vanno metabolizzati per poi tentare di esprimere un commento.
Quindi che dire di questo altro libro?!
Roberto sei riuscito a rendere davvero reali i personaggi e le loro emozioni, mantenendo una scrittura semplice e scorrevole.
Hai una capacità di assorbire nella lettura che finire il libro il prima possibile diventa la priorità, nonostante l' argomento di cui tratti sia molto forte e impegnativo.
Fai capire che certi argomenti non sono poi così lontani da noi, dalla nostra vita, anche se spesso si pensa il contrario.
Ti ho sempre detto della mia ammirazione per voi scrittori, tu continua così.
Io aspetto il tuo prossimo libro

Arvosana 
2021-08-10

Cronaca di una strage silenziosa

Nel corso della sua evoluzione, l’umanità ha imparato a fare molte cose, che hanno contribuito a migliorare il tempo trascorso sulla terra, ma c’è una cosa che, nonostante il tempo trascorso e i progressi fatti, l’uomo non ha ancora imparato: rispettare le donne.
In ogni parte del mondo, ivi compreso l’Occidente, le donne, ancor prima di nascere, sono trattate alla stregua di oggetti da maltrattare e calpestare finché, inevitabilmente, si rompono.
Per quel che riguarda l’Italia, 73 anni sono passati da quando la Costituzione ha sancito l’uguaglianza tra uomini e donne, 40 dall’abolizione del matrimonio riparatore e appena 25 dal passaggio della violenza sessuale dal novero dei reati contro la moralità al novero dei reati contro la persona. Disposizioni che durano fatica ad applicarsi, poiché la mentalità è dura da modificare.
Ciononostante, tra mille difficoltà, oggi le donne riescono in qualche modo a costruirsi un futuro con le proprie forze e seguendo il proprio volere, ma il cammino verso la piena parità è ancora lungo e arduo e di certo non aiuta la strage silenziosa ma inarrestabile tuttora in atto nel nostro paese.
Il libro di Roberto Ottonelli, CREDI DAVVERO (CHE SIA SINCERO), edito da BERTONI Editore, attraverso le voci narranti di Martina e Antonio, vuole parlarci proprio di questa strage silenziosa che continua a consumarsi a danno delle donne.
Martina è una giovane in cui ogni lettrice può riconoscersi che, dopo la rottura con il fidanzato storico, conosce Antonio, un trentenne poco socievole e scontroso e tra i due scocca subito una scintilla, che nel giro di poco tempo si trasforma un fuoco impetuoso destinato a condurre ad un finale tragico.
I due protagonisti parlano entrambi in prima persona, raccontando ciascuno la vicenda dal proprio punto di vista e ciò permette al lettore di entrare direttamente nell’anima dei personaggi, comprendendo il loro pensiero a tutto tondo, tanto quello di lei quanto quello di lui.
Il pensiero di Martina, che vuole un compagno con cui percorrere il cammino della vita, ma senza rinunciare alla propria libertà, alle proprie aspirazioni, come è giusto che sia.
Il pensiero di Antonio, incattivito dalle difficoltà della vita, da un clima familiare poco accogliente dove ha senz’altro recepito il vecchio retaggio patriarcale secondo il quale la donna è proprietà dell’uomo. Un personaggio interessante per provare a capire cosa, a parte il pregiudizio di cui sopra, spinge un uomo a diventare maltrattante e, in troppi casi, femminicida.
Antonio è un uomo estremamente insicuro, che non ascolta nessuno, solo sé stesso, che cerca una compagna per bisogno, per il desiderio di trovare in una donna quel calore che la famiglia di origine non ha saputo dargli e di conseguenza diventa geloso e possessivo, come un bambino che teme di vedersi sottrarre il suo giocattolo preferito.
L’analisi su esposta non ha alcun intento giustificativo, ma meramente di riflessione e di comprensione sull’origine di un femminicidio.
La storia si svolge con un ritmo molto repentino, ad alta tensione, tanto che al lettore non viene lasciato un attimo di respiro tra una pagina e l’altra, per poi rallentare nell’epilogo, lasciando il lettore senza parole.
Una storia vera che sputa in faccia una verità scomoda, troppo spesso ignorata e per affrontarla i libri come questo sono preziosi, ma occorre insistere sulla prevenzione, soprattutto in ambito educativo.
Gli uomini devono capire un semplice fatto: le donne sono persone, non oggetti; hanno i loro pensieri, sentimenti, che possono anche non riguardare il genere maschile.
Una lezione che gli uomini devono imparare sin dall’infanzia, affinché nessuna donna venga più uccisa per aver detto «no».

Selene Luise

  • 1/1 asiakasta pitää arvostelua hyödyllisenä.
Arvosana 
2021-06-04

Semplicemente da leggere e rileggere

Ciao Roberto, vorrei ringraziarti tantissimo, non so davvero che parole usare.
Ho letto il libro due settimane fa... volevo scrivere ma dovevo “sedimentare”... l’ho riletto mercoledì... ho pianto, di nuovo, e gli occhi appannati non mi hanno permesso di scrivere. Oggi ho sedimentato ancora un po’ e ci provo.
Premetto che non sono brava a trasmettere le mie emozioni, quello che sento lo tengo sempre per me, faccio fatica a voce, in forma scritta mi viene ancora più difficile. Ti chiedo quindi scusa se sembreranno le parole di una pazza.
Ti ringrazio davvero infinitamente per le emozioni che mi hai regalato con le tue parole. Leggere la storia dal punto vista di Martina e Antonio mi ha travolto. Un mare di sensazioni, non tutte posivite, come è normale dato l’epilogo, mi hanno devastata. So che suona male ma ne sono felice e ti ringrazio veramente. Sei riuscito a farmi rivivere la bellezza delle storie appena nate, la gioia del l’innamorarsi, ma anche tutta la rabbia e la delusione di quando una storia non va come vorresti, di quando ti rendi conto che hai davanti una persona che non è, o non è più, quella della quale ti eri innamorato. E forse non lo è mai stata ma era tutto nella tua proiezione di volere che fosse così, di voler essere felice a tutti i costi e passare sopra, accettare, non vedere quello che non ti piace, che non va bene, che non vuoi.
Insomma non la faccio troppo lunga ma solo davvero GRAZIE! NON SMETTERE MAI DI SCRIVERE! Hai davvero un grande dono, o talento, sarebbe un vero peccato non poter più “leggerti”. Un abbraccio grande Fra

Arvosana 
2021-05-16

Grandi e profonde emozioni

“Non è la stessa persona di cui mi sono innamorata. Ho paura, per la prima volta.”

Arvosana 
2021-04-02

Emozioni all'ennesima potenza.

Credi davvero (che sia sincero)
Si legge d'un fiato ma ti toglie il fiato.
Coinvolgente.
Emozioni all'ennesima potenza.
Dapprima curiosità, poi eccitazione, poi preoccupazione, poi sgomento, poi rabbia e poi domande.
Fa riflettere.
Vasco Rossi fa da colonna sonora di questa storia di tre mesi.
Un pensiero va alla mamma di Martina "e la vita continua anche senza di noi, che siamo lontani ormai" ma che invece continua con il suo impegno, l'associazione, questo libro e quello che genererà in ogni lettore.
"Perché col tempo cambia tutto lo sai, e cambiamo anche noi."
Da oggi cambio un po' anch'io grazie a ciò che il libro di Roberto Ottonelli è riuscito a smuovere in me.

  • 1/1 asiakasta pitää arvostelua hyödyllisenä.

Kirjoita arvostelu!

Kirjoita arvostelu

Credi davvero (che sia sincero)

Credi davvero (che sia sincero)

Lisätarvikkeet